Le piante

ANTROPOLOGIA DELL’IMMOBILITA’

Affrontiamo il tema dell’immobilità e azione nel contesto sociale contemporaneo confrontandolo con le antiche tradizioni filosofiche. Antropologia dell’immobilità.

Che cos’è il movimento. Antropologia dell’immobilità

Nella tradizione pragmatica occidentale, sviluppatasi dall’ottocento positivista in poi, il movimento è il direzionarsi da un punto a un altro. In modo lineare, progettuale. Con la rivoluzione cartesiana la mente razionale ha imposto il suo modello, contrapponendosi a una visione circolare del movimento. Cosa intendiamo come circolarità del movimento? Se pensiamo ad esso immaginiamo di compiere un’azione per un fine. Esco di casa per. Questo è in realtà una costruzione mentale, non reale. Perché il movimento della vita è circolare, la biologia e fisiologia non funziona come una macchina che da A – B.

Antropologia dell'immobilità
circular life

La circolarità della vita

Il mio respiro, il battito, le mie cellule procedono in un’azione circolare appunto, che si rinnova. Tutta la natura vive nel presente continuo, che si rinnova nel mutamento del cambiamento. Quindi il movimento non è un’azione mentale o fisica lineare, diretta a uno scopo. Il movimento dunque è la circolarità della vita, che risiede in noi nell’immobilità quieta. Anche quando siamo seduti tranquilli.

L’azione senza aspettativa

Ogni azione è un atto reciproco di relazione tra l’individuo e il mondo circostante. Ogni cultura ne codifica la ritualità sociale. Una società costruita sul valore economico dimentica l’importanza del dono. Il dono è infatti azione senza aspettativa. Deve esserci uno spazio antropologico dove l’uomo possa esprimere la propria qualità, senza che venga subito “monetizzata”. Ogni azione in una società dimentica della sua parte spirituale viene così svuotata di valore umano profondo. Ogni società che si alieni alla Natura intesa come habitat e come natura del Sè è destinata a fallire. Siamo capaci di agire senza aspettarci qualcosa di materiale in cambio? Posso rimanere centrato e condividere l’azione morendo all’intenzione?

Hara project

L’azione libera nelle tradizioni spirituali.

Questo è quello che nelle pratiche spirituali come le Arti marziali, lo Yoga, la Cerimonia del tè, si definisce azione che libera l’uomo. Quando la mente infatti è libera da aspettative “di ritorno commerciale” le nostre azioni creano uno scambio energetico potente. Per questo esiste una differenza sostanziale tra praticare uno sport, allenare il corpo, fare esercizio fisico e invece “allenare” la connessione profonda con noi stessi. Che come nel caso dell’Hata Yoga può fare a meno di un movimento fisico muscolare superficiale. Una immobilità attiva.

La visione delle piante

Emanule Coccia, professore associato all’Ecole des Hautes Etudes en Science Sociales di parigi, spiega in “La vita delle piante, metafisica della mescolanza” il segreto della vita.

Esse esistono dalla notte dei tempi, prima di ogni specie animale. La loro immobilità è solo apparente. A differenza con tutti gli altri esseri viventi non hanno una relazione selettiva con ciò che le circonda: sono costantemente esposte alla realtà circostante, una vita integrale e simbiotica con l’ambiente. Esse vogliono a tal punto aderire al mondo da privilegiare la superficie al volume. L’assenza di movimento è adesione totale alla vita ed a quello che accade. ” Essa è la forma più intensa, radicale e paradigmatica dell’essere nel mondo” (cit. sopra pag. 13 Prologo).

Nello Yoga laspirazione spesso fraintesa dunque è quella di divenire vegetale. Coprire con il corpo, le asana, la superficie dell’ambiente ed allo stesso tempo integrarsi in esso e con esso.

Trovare nella immobilità la liberazione e l’immortalità. Liberarsi dalla aspettativa del gesto fisico e mentale e godere del qui ed ora.

Antropologia dell’immobilità.

Per approfondire leggi anche

Dhyana

Articolo creato 31

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto